Fotografia di Sport, Recensione Prodotti

Elinchrom ELB 500 e Fujifilm GFX 100 un’accoppiata vincente!

Il fotografo di sport d’azione Michael Clark, ci guida nella sua impresa alla scoperta della nuova medio formato Fujifilm GFX100, accompagnata dai flash della serie ELB di Elinchrom, realizzando scatti fuori dal comune.

Nel corso degli ultimi anni, ho incominciato a testare parecchie tra le migliori fotocamere mirrorless, in particolare, quelle di Fujifilm. Dopo averle provate tutte, partendo dalle aps-c fino alle medio formato, ne sono rimasto veramente affascinato e ho tenuto i contatti con loro sapendo di alcune novità che avevano in programma. Infatti, l’autunno scorso è stato annunciato lo sviluppo della nuova mirrorless medio formato di Fujifilm, la GFX 100, che catturò subito la mia attenzione. Ho sognato per anni una medio formato dalla qualità superiore ma veloce come la mia reflex e che fosse anche compatibile con i miei flash Elinchrom.

Durante i miei ventitré anni da fotografo, ho catturato praticamente ogni sport d’azione, a partire dall’arrampicata, una delle mie più grandi passioni. Da qui, per questo incarico con Fujifilm, ho deciso di fare alla vecchia maniera e realizzare uno shooting in arrampicata ma anche uno sulla mountain bike. Entrambi questi due sport mi hanno offerto un’ampio scenario permettendomi di dimostrare al meglio le capacità della nuova Fujifilm GFX 100.

Quando mi vengono commissionati dei lavori preferisco sempre mantenere il mio stile, utilizzando tecniche di illuminazione avanzate. Fortunatamente Fujifilm mi ha permesso di lavorare con Elinchrom e sfruttare a pieno la mia creatività e il mio stile. Elinchrom è l’unica nel suo settore a produrre flash a batteria, come ELB 1200 e ELB 500 che ho utilizzato per questo incarico, con tecnologie High Speed Sync (HSS) e Hi-Sync (HS) incorporate.

Nella prima parte di questo viaggio abbiamo deciso di recarci a Indian Creek, nello Utah, una delle località più famose per l’arrampicata e anche una delle mie preferite. Indian Creek si caratterizza per arrampicate che si svolgono su spaccature nella roccia tipicamente omogenee per tutto il tratto del percorso. Savannah Cummins, atleta North Face ed eccellente arrampicatrice, ha deciso di unirsi al nostro team, accompagnata da un’altra bravissima arrampicatrice su roccia e ghiaccio, Angela Van Wiemeersch e completando così la squadra, si è unito a noi anche l’assistente Ted Hesser, ottimo arrampicatore e fotografo professionista.

© Michael Clark

© Michael Clark

Fare foto di arrampicata non è semplice come sembra. Bisogna portarsi dietro grossi zaini pieni di attrezzatura per arrampicare, corde, acqua, cibo e tutto ciò in aggiunta all’equipaggiamento fotografico. Gli zaini possono arrivare a pesare più di 34kg e senza kit luci! Oltre ad aiutarci a trasportare tutto l’equipaggiamento, Ted è stato con noi anche per arrampicarsi fino in cima con l’ELB 1200. Ted poteva arrampicarsi ovunque, cosa fondamentale dato che solitamente doveva posizionarsi su percorsi molto impegnativi, adiacenti a quelli che scalava Savannah. Aver avuto la giusta squadra, è stato fondamentale per la realizzazione dell’impresa.

Abbiamo prodotto una tra le migliori foto già durante la prima giornata di scatti. Per realizzarla, Ted si è posizionato sopra il percorso che stava scalando Savannah, riuscendo a illuminarla da una distanza di ben 12 metri, grazie al riflettore alluminato, cruciale per la riuscita dell’impresa. Impostata la luce dopo una serie di prove, abbiamo atteso che la parete fosse in ombra. Ted ha sfumato la parete con il flash, dopodiché ho sottoesposto lo sfondo di circa due terzi di stop per creare un forte contrasto con le nuvole che si vedono nell’immagine qui sotto.

© Michael Clark

© Michael Clark

Quando si utilizzano dei flash per illuminare una parete rocciosa, la potenza è un fattore essenziale e proprio grazie alla tecnologia Hi-Sync, che mi ha permesso di erogare più potenza rispetto alla classica tecnologia HSS, sono riuscito sovrastare la luce solare da una distanza di ben 18 metri!

Durante gli scatti d’azione ho utilizzato ELB 1200 con la torcia HS che mi ha fornito tutta la potenza necessaria per raggiungere gli atleti da lunghe distanze. Inoltre abbiamo fatto anche molti ritratti, dove ho utilizzato ELB 500 per la sua semplicità di utilizzo.

Nella terza giornata di scatti, abbiamo fotografato Savannah su Anunnaki, uno dei pochi percorsi a Indian Creek con delle pareti sporgenti, risultato della caduta di un masso gigante appoggiatosi sulla facciata del dirupo. Una vera impresa.

© Michael Clark

© Michael Clark

Quando fotografo sport in esterni, cerco sempre di far coincidere la luce artificiale con quella naturale, ed è proprio ciò che ho fatto durante la realizzazione della foto sopra. L’idea era quella di far sembrare che la luce del flash sembrasse quella del tramonto dall’alto.

© Michael Clark

© Michael Clark

Quando si fotografa l’arrampicata su roccia, ci vuole molto tempo per mettersi in posizione, e ancor di più se si utilizzano dei flash, da posizionare in linea con lo scatto. Inizialmente quando Ted è salito in cima per posizionare la luce, abbiamo notato che sparandola direttamente su Savannah, ottenevamo una luce troppo dura, ma con un po di sperimentazione, abbiamo scoperto che facendo riflettere la luce sulla parete dietro a Savannah, si otteneva un luce nettamente migliore!

Per questo lavoro, l’intento era quello di utilizzare la luce artificiale per creare qualcosa di nuovo e insolito. Non sono in tanti ad aver fotografato a Indian Creek con delle luci artificiali. Il lavoro che c’è sotto è pressoché ridicolo! Ma ad ogni arrampicata che abbiamo fatto, siamo riusciti a portarci a casa degli scatti innovativi, mai visti prima.

Per la sessione di scatti con gli atleti di mountain bike, abbiamo passato tre giorni a Virgin, Utah, il monte Everest degli sport estremi. Con noi c’erano Carson Storch e Dusty Wygle due tra i migliori atleti di questa disciplina. Carson in particolare conosceva molto bene la zona e già nei primi giorni di perlustrazione abbiamo visto una moltitudine di opzioni. Abbiamo fatto molte foto senza flash, proprio per la difficoltà dei tracciati e il rischio che ne comporta percorrerli. Ma appena la situazione è diventata più controllabile, come quando Carson e Dusty si sono fermati su un salto in particolare, abbiamo iniziato a sfruttare ELB 1200 per realizzare qualcosa di totalmente diverso!

© Michael Clark

© Michael Clark

Per l’immagine qui sopra, Dusty sta facendo un cosiddetto “Can-Can”. Abbiamo utilizzato due ELB 1200 puntati direttamente al centro, proprio all’altezza dove avrebbe dovuto eseguire il trick. Carson e Dusty hanno ripetuto più e più volte il salto per permetterci un’ampia opportunità di immagini.

Come in tutti i miei lavori, non potevano mancare i ritratti. Ho utilizzato il Kit ELB 500 TTL che ci ha permesso di giocare con varie tecniche di illuminazione e di conseguenza ottenere sin da subito ritratti di qualità. Anche se sembrano realizzati in studio, ogni ritratto che vedete qui è stato fatto in location, sul luogo dell’azione.

© Michael Clark

Cerco sempre di realizzare immagini che lascino a bocca aperta l’osservatore e proprio per questo sono sempre in costante ricerca della massima qualità dell’immagine possibile. Scelgo sempre con attenzione fotocamera, obbiettivi e luci. Senza i flash Elinchrom, queste foto non avrebbero di certo avuto lo stesso impatto, per non parlare della qualità superba di FUJIFILM GFX 100 che ha davvero fatto la differenza.

I miei più sentiti ringraziamenti vanno Elinchrom e Fujifilm per il supporto che mi hanno offerto durante lo svolgimento di questo progetto. Assieme al team che ha lavorato con me in location, gli ingegneri di Elinchrom e Fujifilm hanno lavorato veramente duro per far si che tutto funzionasse perfettamente. Non sarei riuscito in questa impresa senza il loro instancabile aiuto.

Scopri di più su Micheal Clark

www.michaelclarkphoto.com
Facebook / Twitter / Instagram

Articolo originale:
https://www.elinchromus.com/articles/pushing-the-limit-with-hs-and-hss.html

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.